Pillole di #saltoextra

𝚊 𝚜𝚙𝚊𝚜𝚜𝚘 𝚌𝚘𝚗… 𝚂𝚃𝙴𝙵𝙰𝙽𝙸𝙰 𝙰𝚄𝙲𝙸

Stefania Auci, che lo scorso anno aveva “battezzato” proprio al Salone del Libro il suo “I Leoni di Sicilia”, legge in anteprima l’incipit del primo capitolo del secondo romanzo della saga della famiglia Florio.

Il primo romanzo, che noi di Luoghi di libri avevamo recensito, si conclude con la morte di Vincenzo Florio, figlio di Paolo e nipote di Ignazio, i fondatori di Casa Florio.

Il nuovo libro della saga si apre con il matrimonio tra Ignazio, il figlio di Vincenzo (perché Casa Florio dovrà sempre avere un Vincenzo e un Ignazio) con Franca. Un matrimonio diverso da come la sposa se lo era immaginato, molto intimo e senza fronzoli ma con l’uomo che rappresentava tutto il suo mondo.

La scena si sposta a Parigi, nel Marzo del 1893. La coppia è in viaggio di nozze e tra le scuse del direttore dell’hotel di lusso, gli ossequi del personale e le mille cortesie e riguardi in cui tutti si prodigano nei loro confronti, Franca capisce una grande verità: Ignazio parla una lingua originale, la lingua dei soldi.

Stefania Auci ci ha regalato un assaggio, ancora in revisione, di ciò che verrà. E questo ci lascia un senso di profonda gratitudine, perché la condivisione di una prima stesura non può lasciarci indifferenti… e l’acquolina in bocca pregustando ciò che verrà. Grazie Stefania Auci!

Posted in #vicinimadistanti, in evidenza, incontri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *