Elena Molini – La Piccola Farmacia Letteraria

Vai alla scheda del libro

Che la lettura sia una “cura” per lo spirito noi di Luoghi di Libri lo sosteniamo da sempre, infatti abbiamo cercato di sensibilizzare i nostri “follower” – che figo dirlo, fa tanto Ferragni 😊- con il progetto “Audioteca”, iniziato durante il primo lockdown e portato avanti tutt’ora.

Leggere vuol dire viaggiare, almeno con la fantasia.
Leggere vuol dire conoscersi e conoscere altro da sé – altre culture, altre persone, altri pensieri, altre idee.
Leggere vuol dire vivere altre vite oltre la nostra, camminare in altri mondi e gustare altre avventure.

Eppure l’editoria è in crisi, da quanto ci dicono i dati. Ci sono sempre più scrittori ma sempre meno lettori, come se tutti avessimo molto da dire ma non volessimo ascoltare il prossimo. Individui egocentrati che pascolano nelle librerie o sui social solo per vedere in che posizione sia il proprio manoscritto. La Letteratura è da sempre specchio dei tempi ma mai come ora lo è anche la sua fruizione.

Blu, la vivace proprietaria di una piccola libreria in un quartiere non proprio centralissimo di Firenze, ci racconta la sua prospettiva, dall’altro lato del bancone: la letteratura è il suo mondo, la libraia prima che una professione è una vera e propria passione ma… occorre un’idea geniale per riuscire ad arrivare alla fine del mese. Nasce così La Piccola Farmacia Letteraria, un’idea che conquisterà lettori e scrittori e di cui tutta Italia parlerà: ogni libro è una “medicina”, corredata da tanto di bugiardino e prescrizione. Ci sono autori per il mal d’amore, per le amicizie lontane, per gli amori non corrisposti, per l’ansia da prestazione: Blu, aiutata da tutti gli amici che le ruotano intorno, riuscirà ad accoppiare ciascun lettore con un titolo ad hoc.

Ho amato questo romanzo perché:

  • la biblioterapia mi affascina dal primo romanzo che presi in mano in vita mia: “Piccole Donne”. In una afosa estate torinese, non ero più una bambina di sette/ otto anni che si annoiava durante interminabili pomeriggi afosi ma diventavo una ad una le sorelle March. Piccole donne è stato il mio antidoto alla noia e da lì non mi son mai più fermata.
  • La “Piccola Farmacia Letteraria” esiste davvero (www.piccolafarmacialetteraria.it) e, in parte – e se volte sapere perché dovrete leggerlo è una storia autobiografica. Ma ci pensate? Esiste davvero un luogo, a Firenze, in cui c’è un titolo per ogni acciacco dello spirito.
  • Adoro i libri che trattano, in maniera leggera quasi impalpabile, problematiche reali come crisi personali o di settore.

Il messaggio del romanzo è positivo e propositivo: i momenti di crisi fanno scaturire idee geniali.

Consigliatissimo!

Annamaria

 

Ti interessa acquistare questo titolo? Vai allo store!

Amazon

Feltrinelli

IBS

Mondadori Store



Verifica la disponibilità in biblioteca (SBN – Servizio Bibliotecario Nazionale)

Posted in recensioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.