Luoghi di libri

Alessandro Berselli – La dottrina del male

Vai alla scheda del libro

Guardi la copertina e ti senti piccolo: piccolo rispetto ai grattacieli che scompaiono nel blu, rispetto a quello che è il mondo della politica, a quelle sette che in qualche modo riescono a circuirti per farti fare cose che non vorresti, perché minacciano la tua famiglia e la tua integrità.

Mi sono persa tra le pagine di La dottrina del male: mi sono persa nella psicologia, di cui poco conosco ma che qui su tante cose fa leva. Non amo il mondo della politica, non amo le dinamiche che circuiscono le persone, ma la tensione narrativa che fa di questo libro un romanzo top è fantastica.

All’inizio ho fatto un po’ di fatica a entrare nelle scene, ma poi è scattato qualcosa che ha cambiato tutto: un libro! Un libro, una Bibbia, un modo di vedere o ribaltare le cose, un mondo di persone in giacca e cravatta che nascondono ben altro.

Rileggo la quarta di copertina: “Non hai anche tu l’impressione che stiamo precipitando in un secolo buio dove non si ha più la percezione di nulla?”. Forse sì, la tecnologia, tutto ciò che ci circonda e che non siamo in grado di controllare, obbiettivi sempre più ambiziosi, in una vita frenetica e forse senza ritorno.

Quando arriverete all’ultima riga, mediterete. Cosa avreste fatto voi al posto di un uomo ambizioso e in cerca di fama e consensi? Vi sareste fermati e accontentati di quello che dà una famiglia e una vita non appariscente? Domande a cui solo ognuno di noi può dare risposta, ma forse non saranno mai le risposte che mettereste in atto in fase decisionale davanti ad un bivio. Chi lo sa.

Alessandro Berselli anche questa volta stupisce, anche questa volta si fa amare e forse anche un po’ odiare, perché descrive un mondo e una società che è la perfetta fotografia di oggi. Che prezzo siamo disposti a pagare? Leggetelo e magari saprete rispondere a questa domanda, o forse no.

 

Ti interessa acquistare questo titolo? Vai allo store!

Amazon

Feltrinelli

IBS

Mondadori Store



Verifica la disponibilità in biblioteca (SBN – Servizio Bibliotecario Nazionale)

Posted in recensioni, recenti

Francesca Battistella – La verità dell’acqua

Vai alla scheda del libro

La magia del Lago d’Orta esce sempre tra le parole e le narrazioni di Francesca Battistella. Questa volta le tinte sono più cupe, la storia è più noir anche se sempre di ampio respiro. Una vecchia dimora che si affaccia sul lago al centro di indagini di un agente immobiliare. Si cambia registro e si cambiano i personaggi rispetto ai suoi precedenti lavori, ma il ritmo narrativo è sempre molto equilibrato e non lascia spazio alla noia. I libri letti tutti d’un fiato, quelli che coinvolgono i sentimenti, le storie belle che ti fanno viaggiare nella fantasia per un po’.

Con i libri di Francesca Battistella non faccio mai fatica ad immergermi nel luogo, le sue descrizioni fin dalla prima pagina ti fanno vivere il posto e le scene come se fossi il regista dietro la cinepresa: vedi i panorami, calpesti le stradine, giri nelle stanze della vecchia dimora in vendita, riesci a immaginarti ogni spazio e ogni sospiro dei personaggi.

Anche questa volta siamo dentro un noir, che non lascia però mai da parte i sentimenti, anzi. Sulla quarta di copertina padroneggia la frase: “Ci sono persone a questo mondo destinate a non pagare mai per il male che hanno fatto. E questa è una cosa che non sopporto”. Ne siamo proprio sicuri? Sarà così anche nella storia? Oppure prima o poi i nodi vengono tutti al pettine? Leggetelo per darvi delle risposte, anche questa volta la Battistella non delude.

 

Ti interessa acquistare questo titolo? Vai allo store!

Amazon

Feltrinelli

IBS

Mondadori Store


Scrittura & Scritture


Verifica la disponibilità in biblioteca (SBN – Servizio Bibliotecario Nazionale)

Visualizza la mappa delle biblioteche (Anagrafe Biblioteche Italiane)

Posted in recensioni, recenti

Annamaria Blogna – Quel che passa il convento

Vai alla scheda del libro

Un nuovo viaggio, in una Sicilia che amo dal profondo del cuore. Una Sicilia fatta di profumi, di salsedine, di rumore del mare, di cieli azzurri diversi da quelli delle altre parti del mondo.

Un percorso, dove è possibile tra le righe imparare a conoscere la scrittrice: mamma e moglie quando parla del focolare domestico, dove la cucina è il centro dell’amore di un nucleo famigliare, professoressa quando ci fa riflettere sui silenzi o sulle troppe parole dei ragazzi per riempire vuoti e colmare silenzi di genitori assenti o troppo impegnati a pensare a loro stessi, donna del Sud, perché nonostante gli anni trascorsi al Nord, il “male” della camorra, della mafia, delle speculazioni edilizie, sono problemi che le stanno a cuore e l’attenzione per le tradizioni le scorre nelle vene.

Saranno proprio i folclori della storia a farci rivivere il Convento di Santa Brigida, quello che qualcuno vuole cancellare ma che le Suore vogliono far rimanere vivo: con i suoi pizzi per i corredi e per i suoi dolci preparati per le famiglie più in vista del paese. Dora e Suor Caterina, due dei personaggi, saranno il fulcro della situazione, con loro percorreremo la salita di tornati verso il paese di Acquafredda, conosceremo le consuetudini della Sicilia e cucineremo all’interno del Convento dolci prelibati, ma conosceremo la grinta e la testardaggine delle donne.

La scrittura asciutta e determinata di Annamaria Blogna, vi farà amare questa terra per i suoi pregi e odiarla per i suoi difetti. Un percorso che ho avuto il piacere di assaporare fin dalle prime bozze, e che mi emoziona guardare finito e confezionato.

Spero che “Quel che passa il convento” possa percorrere tante strade, possa essere letto da tanti occhi che lo apprezzino e cuori che sappiano amarlo. Ovviamente al fondo tanti piccoli spunti per addolcire le vostre giornate più buie.

 

Ti interessa acquistare questo titolo? Vai allo store!

Amazon

Feltrinelli

IBS

Mondadori Store


Golem Edizioni


Verifica la disponibilità in biblioteca (SBN – Servizio Bibliotecario Nazionale)

Visualizza la mappa delle biblioteche (Anagrafe Biblioteche Italiane)

Posted in recensioni, recenti

Desy Icardi – L’annusatrice di libri

Vai alla scheda del libro

Pensate di trovarvi in un attimo della giornata sopraffatti da un odore intenso, da un profumo, da una fragranza, che vi solletica le narici e poi scompare, ma che vi fa sprofondare in ricordi, spezzoni di vita, attimi, belli o brutti, sereni o no. Desy Icardi con il suo romanzo vi fa rivivere queste sensazioni, ed è brava con le parole: mentre descrive Adelina che annusa i libri, nel farvi cogliere anche spaccati della vostra vita che vi ritornano in mente mentre state pensando a quell’odore dalla protagonista citato.

Sì, Adelina legge i libri con il senso dell’olfatto invece che con la vista, e questo la porterà a incontrare tanti personaggi contenuti nei libri e a viverne la loro storia.

Speciale e così diverso, a tratti burrascoso, il rapporto con la zia Amalia, che imparerete a conoscere nei salti temporali del libro, ambientato in una Torino degli anni cinquanta.

Scrittura scorrevole, storia adattabile ad ambientazioni teatrali, è un libro che si legge volentieri, che ti fa volare con la mente tra l’aroma di un pizzico di peperoncino e un alito di menta.

Quando dovete staccare il cervello, leggetelo, sarà un po’ come essere Mary Poppins a spasso con il suo ombrello dentro una storia diversa per ogni pagina.

Leggi gli altri Appunti di viaggio su questo libro

 

Ti interessa acquistare questo titolo? Vai allo store!

Amazon

Feltrinelli

IBS

Mondadori Store


Verifica la disponibilità in biblioteca (SBN – Servizio Bibliotecario Nazionale)

Visualizza la mappa delle biblioteche (Anagrafe Biblioteche Italiane)

Posted in recensioni, recenti

Graziella Naurath – Dimentica

Vai alla scheda del libro

Dimentica. Dimentica può voler dire tante cose: può voler esprimere sentimenti di protezione o avvertimento. La parola “dimentica” racchiude qualcosa che ai miei occhi è profondissimo. Quasi un atto d’amore.

Dimentica nel libro di Graziella Naurath, oltre a essere un titolo interessante, è un indizio. Libro noir, quasi tendente al thriller dove la parte psicologica e sentimentale getta le basi per aprire voragini di riflessioni sui rapporti sentimentali tra uomo e donna, dove spesso la relazione diventa così morbosa da riuscire a farsi del male scambiando tutto per amore incondizionato.

L’autrice riesce sempre a tenere altissima la tensione, sviando e riportandoti sulla strada del dubbio e del sicuramente è lui l’assassino, ma niente è mai come appare… o forse si?

La certezza o il dubbio di aver risolto il rebus? L’inquietudine o l’alleanza con il più debole? Malattia o voglia dell’eterna giovinezza?

Dovrete leggerlo per saperne di più. Per quello che mi riguarda gran bella scoperta, amo il noir in cui viene inserita sempre una base di società attuale.

 

Ti interessa acquistare questo titolo? Vai allo store!

Amazon

Feltrinelli

IBS

Mondadori Store


Edizioni Mille


Verifica la disponibilità in biblioteca (SBN – Servizio Bibliotecario Nazionale)

Visualizza la mappa delle biblioteche (Anagrafe Biblioteche Italiane)

Posted in recensioni, recenti