Alessandro Perissinotto – La congregazione

Vai alla scheda del libro

Un romanzo che si legge tutto d’un fiato; un mix tra la suspense e l’adrenalina tipiche dei thriller americani e la capacità, ben nota ormai, di Alessandro Perissinotto di costruire una trama intorno a fatti realmente accaduti, in cui il confine tra vero e verosimile, tra realtà e fantasia viene abilmente reso una linea infinitesimamente sottile.

Una scrittura tagliente, a volte cruda, che scava nella psicologia e nella vita dei personaggi e ci regala vette di tensione emotiva che in svariati momenti mi hanno ricordato l’inquietudine tipica di alcuni romanzi di Stephen King: quelli in cui il contesto estremamente realistico rende l’ansia sempre più intensa, al limite dell’angoscia. La malvagità umana fa molto più paura del soprannaturale: Elisabeth ha conosciuto da vicino, quando era solo una bambina, la cattiveria gratuita e il cieco fanatismo di cui può essere capace l’essere umano e adesso si ritrova a fare i conti con un passato che ha già segnato gravemente la sua vita, nonostante la sua mente lo avesse relegato in un angolo sperduto, per sopravvivere; ora è costretta a riesumare poco per volta i frammenti di ricordi dolorosi per salvarsi nuovamente da quegli stessi egoismi, calcoli e malvagità che le hanno portato via tutto e a cui è, già una volta, miracolosamente sfuggita.

Come ne “Il silenzio della collina” dunque, un fatto di cronaca, incredibilmente sepolto dalla memoria collettiva, diventa movente per la creazione di un universo di provincia, costellato di personaggi complessi e a volte ambigui, con un’apparenza “pubblica” costruita nel tempo per mascherare impensabili segreti, creando così nel lettore la foga di procedere, pagina dopo pagina, per arrivare alla conclusione, nella speranza che il “mostro sotto il letto” venga sconfitto dall’arrivo del giorno e faccia meno paura nelle notti a venire.

 

Ti interessa acquistare questo titolo? Vai allo store!

Amazon

Feltrinelli

IBS

Mondadori Store



Verifica la disponibilità in biblioteca (SBN – Servizio Bibliotecario Nazionale)

Posted in recensioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *