Stephen King – L’ombra dello scorpione

enrico, 16 Ottobre 2019

Vai alla scheda del libro

Il libro è diviso in tre parti.

Per chi come me ha letto o leggerà l’edizione integrale, il libro inizia con un prologo intitolato “Il cerchio si apre” che spiega, in 4 pagine, come la super influenza sia sfuggita dal laboratorio in cui era stata creata. E’ forse la più importante dell’intero romanzo perchè è qui che vengono descritti tutti o quasi i personaggi principali della storia e il loro modo di vivere dopo la catastrofe. Si fa la conoscenza di Frances Goldsmith, una studentessa universitaria incinta; Harold Lauder, uno studente insicuro, rancoroso e innamorato di Frances; Stuart Redman, un tecnico che lavora in un’azienda che produce calcolatrici del Texas; Larry Underwood, un musicista pop che subito prima dell’arrivo del virus era diventato improvvisamente famoso; Nick Andros, un sordomuto; Joe/Leo Rockway, un ragazzo selvaggio, smemorato e telepatico; Glen Bateman, un anziano professore di sociologia; Nadine Cross, un’insegnante vergine con un oscuro segreto; Ralph Brentner, un panciuto e gioviale agricoltore e Tom Cullen un uomo ritardato ma di buon cuore. Quasi dimenticavo, farete soprattutto la conoscenza dell’Uomo Nero, Randall Flagg. Le sue leggi sono tiranniche, punisce coloro che non le seguono con crocifissione ed altri tormenti. Mi sono innamorato delle loro storie e dei loro volti, astratti ma così reali nella mia mente da poterli immaginare come vicini di casa, colleghi di lavoro o amici. La maestria dell’autore nel renderli così vivi è fenomenale, a volte ti chiedi se per qualche strano motivo non siano realmente esistiti.

Il romanzo continua nella seconda parte con l’intrecciarsi delle odissee dei pochi sopravvissuti, tenuti insieme da un sogno condiviso in cui una centottenne di colore, Abagail Freemantle (nota anche come ‘Mother Abagail’), di Hemingford Home (Nebraska) si propone come rifugio per l’umanità sopravvissuta. Il nocciolo della storia è tutto qui, ogni collegamento, interazione e/o legame per il quale vi siete domandati un perchè avrà una risposta, con non poche sorprese. Sì d’accordo, qualcuno può dire che la prima parte risulta noiosa con molte pagine superflue ma vi assicuro che, se arrivate qui (siamo intorno a pagina 550), vi ricrederete e non riuscirete a smettere di leggere. Nel frattempo un secondo gruppo di sopravvissuti viene guidato a Las Vegas da Randall Flagg.

Ci si avvia alla conclusione con il confronto finale, quando i due campi profughi vengono a conoscenza l’uno dell’altro, e ognuno vede nel suo avversario un pericolo per la propria sopravvivenza. Nell’edizione integrale è presente anche un breve epilogo intitolato “Il cerchio si chiude” dove si rivela quello che è successo a Randall Flagg dopo la battaglia finale di Las Vegas e Stephen King fa riferimento al Ka, argomento ampiamente trattato nella saga della Torre Nera.

Secondo me il RE è uno psicologo mancato, da questa opera affiora in modo prepotente la sua affinità con la materia. Mi ha colpito la sua profonda conoscenza della psiche umana, è in grado di trasmetterla al lettore in maniera fantastica, pulita e limpida con un linguaggio semplice benchè l’argomento sia l’esatto opposto. Con questa storia, Stephen King, mi ha stregato, non è la classica narrazione di una serie di eventi con incroci di vite e personalità. Insomma, se non lo avete ancora fatto, procuratevene subito una copia e iniziate il viaggio, lo ‘scoglio’ delle oltre 900 pagine può spaventare ma non preoccupatevi, quel masso che vi blocca vi sembrerà sempre più piccolo man mano che vi immergerete nelle pagine.

 

Ti interessa acquistare questo titolo? Vai allo store!

Amazon

Feltrinelli

IBS

Mondadori Store



Verifica la disponibilità in biblioteca (SBN – Servizio Bibliotecario Nazionale)

Visualizza la mappa delle biblioteche (Anagrafe Biblioteche Italiane)