Concorso letterario Iniziamo da qui!

Da un’idea di Luoghi di Libri in collaborazione con Spunto Edizioni nasce il primo Concorso Letterario per racconti inediti: Iniziamo da qui! Uno spunto per 15 storie.

Il concorso offre la possibilità a 8 scrittori di essere inseriti nell’antologia, con il proprio racconto, insieme ad autori noti nel panorama letterario che aderiscono all’iniziativa benefica: Alice Basso, Alessandro Berselli, Luisella Ceretta, Luca Iaccarino, Paolo Negro, Enrico Pandiani e Massimo Tallone.

Il concorso si prefigge lo scopo di devolvere il ricavato a UGI e Banco Alimentare.

Consulta il Regolamento del concorso

Lorenzo Marone – La tentazione di essere felici

Vai alla scheda del libro

Un libro magico. La tentazione di essere felici è un libro magico, e lo è per tante ragioni: innanzitutto è un regalo che mi è stato fatto da una persona a cui tengo molto e che nel preciso momento della consegna ha rilanciato un’amicizia che era stata messa in soffitta sotto un pesante strato di polvere; in secondo luogo Lorenzo Marone possiede delle doti di scrittura che sono magiche, o almeno lo sono per me.

Vi presento Cesare Annunziata che per 265 pagine circa vi terrà compagnia in modo stravagante, dolce, noioso (cosa ci si può aspettare dalla vita di un ottantenne?), ma soprattutto in modo schietto. Vi troverete a leggere per tante ragioni la vostra vita, vi riconoscerete nei suoi errori, vi sembrerà di essere davanti allo specchio a dialogare con un altro vostro “io”. Avete presente quei gufetti che si poggiano sulla spalla e vi bacchettano tutte le volte che fate una cosa sbagliata? Ecco ci sarà Cesare con la sua sapienza, i suoi credo e la sua voglia di aggrapparsi e vivere la vita. Una vita che per settanta anni è stata piatta e monotona e che in qualche modo ora vuole scuotere per correggere i suoi errori e per non darsi per vinto.


Forse l’unico libro letto ultimamente che rileggerei . Vi sembrerà di danzare sulle note di una musica delicatissima, mentre qualcuno vi legge una poesia dolce, ma vi renderete conto in ogni pagina del libro che Lorenzo Marone vi metterà davanti degli aspetti della vita che sono veri, ma da cui ci nascondiamo, fuggiamo.

Cesare non è stato un bravo padre per i suoi figli, ma saprà farsi perdonare; Cesare non è un bravo nonno, ma troverà il modo per diventarlo; Cesare non è stato un buon marito, nella monotonia di un matrimonio che nessuno ha voluto salvare, ma dai suoi errori ripartirà per riallacciare rapporti sfilacciati.

Non si può non amare Cesare, perché non si arrende mai, cerca sempre una soluzione, combatte e non sta ad aspettare.

Grazie Cesare, sei stato nonno anche un po’ mio e come a te “Mi piace chi combatte ogni giorno per essere felice”.

Nicolò Marino – Il guanto segreto di Re Mida

E’ disponibile in pre-ordine il nuovo thriller di Nicolò Marino! Potete prenotarlo direttamente qui

“La luna non aveva ancora lasciato il palcoscenico al sole. L’umidità notturna aveva creato specchi cristallini sulle pareti rocciose lungo la strada che portava alla tomba del Re. Il cielo era coperto da nuvole provenienti da est che trasmettevano sentimenti contrastanti, come quelli che albergavano nei cuori del popolo. Avevano perso da poco il loro punto di riferimento, ma non mancavano di omaggiarlo con doni.”

La tomba di re Mida, uno dei sovrani più enigmatici di tutti i tempi, viene violata, una reliquia enigmatica scompare. Le sue tracce si perdono nei secoli, fino a quando un gruppo di cavalieri templari la ritrova a Costantinopoli nel XIII secolo.

Ai giorni nostri il giornalista Lorenzo Venturi riceve l’invito alla conferenza di un illustre archeologo, Miguel Navarro, che muore in circostanze sospette durante l’evento. Venturi, con la giovane assistente dell’archeologo, Penelope Diaz, si mette sulle tracce dell’assassino, scoprendo ben presto che l’omicidio è collegato al leggendario guanto, capace con i suoi poteri di cambiare le sorti del mondo.

Guarda il booktrailer!

Biografia
Nicolò Giovanni Marino, nato a Tirano nel 1981, vive in provincia di Varese. È laureato in Lettere moderne e ha sempre amato i libri e la scrittura. Ha pubblicato i romanzi Liber Obscurium Secretum e La minaccia del Principe Nero, oltre ai primi due racconti della saga Tempus: Il vortice del tempo e La civiltà del sole. È anche autore del saggio storico Bisanzio e i Bizantini nelle fonti occidentali della seconda Crociata.

Laura Marshall – Friend request

Vai alla scheda del libro

Vi siete mai fermati a chiedervi cosa è per voi l’amicizia? E se vi siete dati una risposta, vi siete chiesti che tipo di amicizia è? E come vi sentite voi dentro questo involucro chiamato amicizia? Leggete Friend request se volete meditare sull’argomento.

Come sempre gioco con il gruppo de I Thriller di Edvige e le loro letture condivise mensili (se mi seguite da un po’ ne avete già sentito parlare) ma questa volta medito ancora di più: il gruppo de i Thriller è condiviso su un social e Louise, la nostra protagonista, proprio sulla sua pagina del social trova un messaggio a dir poco inquietante, coincidenze? Si scherza ovviamente.

Parliamo di thriller e, ci aggiungo io, abbastanza psicologico: le parti in cui l’autrice racconta il pedinamento di Louise o la sensazione di essere controllata anche nei luoghi pubblici mette decisamente una discreta ansia, quasi da girarsi e controllare dietro le spalle che non ci sia nessuno. Una storia divisa tra passato e presente, scritta in modo scorrevole e coinvolgente, basata su episodi di bullismo scolastico dove troviamo un dominante e una dominata, dove tutti cercano di fare a gara per entrare nella compagnia più in vista della scuola per essere tenuti in considerazione, per riuscire ad essere invitati alle feste, e anche solo per poter mangiare in mensa allo stesso tavolo dei volti noti, discriminando i più deboli. Poi si cresce, le cose si modificano e Louise si trova a fare i conti con il passato e con gli atti di bullismo avvenuti a scuola, con amicizie nuove, ma anche con le vecchie che ricompaiono, con le meditazioni sul chi era veramente e sul chi è ora come persona.

Ecco che la parola amicizia spazia in tutte le sue forme in questo libro, in tutte le sfumature belle e brutte, spesso portando il lettore ad equipararsi e a mettersi in discussione, a capire se l’amicizia vera, quella con la A maiuscola, esiste o no. Siamo noi che ci facciamo trascinare, che siamo succubi delle amicizie o viviamo la nostra identità alimentandola con le amicizie?

Mi piacciono i thriller e i polizieschi, perché solitamente mi piace scavare nel fondo sotto lo strato che nasconde l’assassino e ci fa scoprire il morto. Ogni buon libro è creato da una matassa che porta il lettore a farsi delle domande anche se non stiamo leggendo il saggio più impegnativo, che ti fa analizzare e mettere a nudo nei confronti della società in cui viviamo.

Ho parlato di social all’inizio, perché il racconto parte da una richiesta di amicizia su Facebook, ma alla fine del libro la prima domanda che ti poni è: quanto male stanno facendo questi social al tessuto sociale? Quanta falsità o verità c’è dietro ogni post, ogni account e ogni like? Starà diventando tutto un’arma che ci pentiremo di aver innescato?

Leggetelo, e se vi piace meditateci. Laura Marshall secondo me ha fatto un bel lavoro.